Il ciclo corretto in caso di DSA.

Il ciclo corretto in caso di DSA è quindi questo:

1) La scuola deve essere informata adeguatamente dei DSA di uno studente attraverso la certificazione

2) la scuola, informata, deve fornire gli adeguati strumenti compensativi e dispensativi, variabili a seconda delle capacità e compensazione di ogni singolo ragazzo  per permettergli di imparare senza stressarlo demotivarlo o fargli fare sforzi inutili, poiché in questi casi l’importante è l’ apprendere e non il come si apprende

3) il ragazzo con i suoi strumenti si impegna, impara e raggiunge adeguati livelli di conoscenze

Solo nel caso in cui la scuola, correttamente informata, non permetta l’uso di strumenti compensativi e dispensativi, si può ricorrere giustamente al TAR .

 

Non è né dignitoso né corretto per  tutti quei genitori che sanno cosa vuol dire avere figli dislessici, che si rendono conto che basterebbe così poco per aiutarli a camminare con le proprie gambe anche dentro la scuola (unico posto in cui hanno difficoltà), ma che quel poco non sempre viene fatto  e, che a volte vivono una sofferenza assurda, insieme ai loro figli, per l’ignoranza di un unico singolo prof. o per i pregiudizi dei compagni “messi su” dagli altri  genitori.

 

Precedente Poesia. Prof. meno male che avevi capito la mia diagnosi. Successivo Lettera per richiesta pdp.