Testimonianza di Sabrina.

Chi sono! Sabrina, una bambina nata a 6 mesi di 9 etti a bologna nel1970 .ho fatto i primi 5 anni in ospedale .Finalmente inizio la prima elementare a Bologna basta ospedale inizio a stare bene .Ho la maestra Trombetta mi ricordo ancora il nome quando la ho odiata. Il mio primo anno di scuola, un muro bianco difronte a me, perchè ero nata prematura non ero degna di stare in quella classe. Un anno intero a guardare quel muro, non potevo girami per guardare gli altri, non potevo partecipare alla lezione, perchè la lavagna era dietro alla mia schiena. Quando ho odiato la maestra. I miei genitori mi hanno portato al centro psichiatrico a fare delle visite, perchè la maestra diceva che non ero normale. Immaginate una bimba di 6 anni come può avere l’autostima, ero molto molto insicura. Vengo promossa perchè ci trasferiamo in Trentino. La inizio la scuola faccio 2 anni in uno .Posso vedere la lavagna .Non sò interagire con i miei compagni. Finisce la scuola con tutte le difficoltà di lettura scrittura e calcolo .Quasi tutte quelle difficoltà che ha mia figlia. I miei genitori insieme alle maestre decidono di farmi ripetere l’anno. Il mondo crolla di nuovo, devo conoscere altri compagni, e umiliarmi di nuovo mi ero appena adattata ai nuovi compagni. Inizio la seconda elementare con i miei nuovi compagni, ci sono voluti 2 anni, per imparare a interagire con loro. Ero l ‘ultima della classe e mi sentivo sempre inferiore a loro. Ho finito le medie con il sufficiente. Ho fatto la scuola alberghiera, mentre studiavo lavoravo per pagarmi il convitto. Poi a 35 anni sono cambiata, dopo la scuola e da una vita che mi portavo addosso quella insicurezza e inferiorità, ho vinto un concorso ho preso il ruolo e lavoro in una rsa. Ho trovato un lavoro che mi piace .Sto accanto a persone che hanno delle sofferenze condivido le loro sofferenze li accudisco gli ascolto e loro ti ripagano anche se non sanno parlare, ma il loro sguardo ti gratifica.

Sabrina questa sono io.

testimonianze

Precedente Lettera per contestazione bocciatura, in attesa di diagnosi. Successivo Testimonianza di Giorgia, raccontata dalla mamma.